.
Annunci online

SPECCHIO
* L'artista sarà tanto più perfetto quanto più in lui saranno separati l'uomo che soffre e la mente che crea; e tanto più perfettamente la mente assimilerà e rielaborerà le passioni che sono il suo elemento* (T.S.Eliot)


Diario


23 ottobre 2007

DUELLO AL SOLE

 
Domenica pomeriggio La7 ha proposto Duello al sole di King Vidor , 1948.

Perla danza sulla piazza del villaggio............
La sua avvenenza acerba e voluttuosa attira gli sguardi degli uomini, che sono ricambiati dalle occhiate sfrontate e provocatorie di lei, come a sfidarli: guardatemi, non concederò di più, voglio restare una brava ragazza. Alternante, schizofrenico criterio di proporsi verso la vita, che già contiene il germe della sua sventura.

Rimasta orfana viene accolta dalla famiglia di una cugina. Il capofamiglia, padre padrone, proprietario terriero autoritario e prepotente, che nemmeno i figli chiamano padre ma Senatore. Due figli: uno biondo buono, generoso e l’altro bruno crudele, omicida. La cugina moglie rassegnata e condiscendente.
La presenza di Perla mette in disordine il già problematico equilibrio fra i suoi ospiti. I figli in modo diverso si invaghiranno di lei e a sua volta lei, in modo diverso si invaghirà di loro: stima e tenerezza per il figlio buono, passione sensuale per quello cattivo, che la coinvolgerà in modo drammatico fino all’epilogo che dà il titolo al film.

Via col vento ha fatto scuola......in più 130’ minuti si dissemina la difficoltà di costruire rapporti che non siano distruttivi. Un susseguirsi continuo di scene madri con over dose di sesso selvaggio fino al duello finale quando i fucili dei due amanti si sparano messaggi d’amore e la frenesia distruttiva finalmente si placa in un abbraccio mortale.

Eppure questo microcosmo senza sfumature, dove i buoni sono buonissimi e i cattivi cattivissimi, vigoroso, forsennato, eccessivo per barocchismo, ha il potere di tenerci attaccati allo schermo fino all’ultimo frame.......... perchè l’eccesso a volte finisce per commuoverci.
Merito soprattutto di un cast che si può definire solo stellare. Due nomination all’Oscar per Lillian Gish e Jennifer Jones.

Interpreti: Gregory Peck, Joseph Cotten, Jennifer Jones, Lillian Gish, Lionel Barrymore, Herbert Marshall.


                         

    




permalink | inviato da specchio il 23/10/2007 alle 10:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (65) | Versione per la stampa
sfoglia     settembre        novembre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
DAL VINILE..........
EBDOMADARIO
PUNTI
L'APPROCCIO.....
PROSEMI
CINEMA
POESIA
PIANI
INTERNECTASIE
TRANSLALIE..
MONOLOGHI

VAI A VEDERE

Galatea
Ombra
Chinaski
Comablog
GOOGLE
ROBERTO UBERTI
ARMANDO ADOLGISO
I SEGRETI DELLA CASTA
antonio spagnuolo
MARIO SUPERTI
TESTUALE CRITICA
MARIO BORGHI
marla
stefanorissetto
asanisimasa
CLOS
flaianesi
DAGOSPIA
Kurtz
ASSOCIAZIONE MICENE
Fausto Raso
Vulvia
RACCOON
bazardelleparole
GOLEM
BEPPE GRILLO


            

 

   PROSEMI - Amazon.it

      INTERNECTASIE - Recensioni IBS

      Internectasie - laFeltrinelli, it

   

Translalie

       

         PAOLINI POETRY

            Gioco
      dei mondi
                    I miei posti

    testualecritica.it

   Le reti di Dedalus
              letteratura

       Sono qui dal 19.01.06

  

        

  

 

 

 

  

  

 

 

 

CERCA